ï Arrugas æ Download by Ñ Paco Roca A minha opini o em v deo Dal mio blog www.
erigibbi.
itRughe Paco Roca un graphic novel toccante, commovente ma anche umoristico che parla di anzianit e AlzheimerIl protagonista di questo graphic novel Emilio, un anziano direttore di banca affetto dal morbo di Alzheimer e che verr ricoverato dalla sua famiglia in una residenza per la terza et Qui Emilio verr a conoscenza della sua malattia e cercher di contrastarla vuole mantenere la sua memoria e la sua indipendenza e vuole evitare a tutti i costi l ultimo piano della residenza, quello del non ritorno.
Ho voluto intraprendere questa lettura principalmente per motivi personali ma anche per un mio interesse nei confronti di questo disturbo degenerativo.
La perdita progressiva della memoria, dai ricordi alle parole, dal come mangiare al come vestirsi, la perdita progressiva del contatto con la realt , il disagio dei familiari e dei pazienti nei confronti della malattia stessa sono descritti meravigliosamente Per questo motivo mi viene da pensare che o Paco Roca ha vissuto questa malattia che pu aver colpito i suoi genitori o ha intrapreso un lavoro di studio e approfondimento molto curato.
Rughe un graphic novel molto triste e molto commovente ma in qualche modo anche umoristico e divertente I vecchietti ospiti della residenza con cui Emilio stringe amicizia sono dolci e adorabili impossibile non sorridere in certe occasioni Se l argomento non fosse cos tragico ci sarebbero anche degli aneddoti divertenti ma difficile ridere sapendo qual la storia che stiamo leggendo.
Ho apprezzato anche alcuni flashback inerenti la vita passata di altri anziani della residenza che, ad esempio, mostrano al lettore cosa sta pensando quel vecchietto che in quel momento sembra in uno stato catatonico Molto molto dolce e commovente.
Trovo che lo stile di disegno sia semplice, le tavole non sono ricchissime di dettagli ma trovo il tutto perfettamente bilanciato e giusto per la storia che si sta narrando Nella vecchiaia, che si sia malati di Alzheimer o meno, si ha bisogno di essere circondati dalla semplicit e spesso anche dalla routine quindi mi sembra giusto che in questo graphic novel venga in qualche modo rispettato il bisogno dell anziano.
Questo graphic novel mi ha ricordato in tutto e per tutto la situazione che stiamo passando io e la mia famiglia mi ha ricordato quanto facile perdere la pazienza e quanto sia difficile per l anziano assistere fino ad un certo punto in modo cosciente alla propria degenerazione.
Arrivare a non ricordare il nome degli oggetti che si utilizzano tutti i giorni fin da quando stata acquisita la capacit di parlare, non ricordare come ci si deve vestire, non ricordare pi il viso dei tuoi figli devastante.
Consiglio Rughe a chiunque non solo a chi ha un nonno o un genitore affetto dal morbo di Alzheimer ma anche a chi ha semplicemente a che fare con la vecchiaia e l anzianit Ora siamo giovani e spesso poco pazienti, ma un giorno ci saremo noi dall altra parte del campo e saranno i nostri figli e i nostri nipoti ad essere poco pazienti.
Leggete Rughe, potrete imparare molto.
Em Lio, Um Banc Rio Reformado, Sofre Da Doen A De Alzheimer E Internado Num Lar De Terceira Idade Rodeado De V Rios Outros Idosos, Cada Um Com Um Quadro Cl Nico Distinto E Com Uma Personalidade Bem Vincada, Vai Aprendendo As Diversas Estrat Gias Para Combater O T Dio E A Eros O Da Rotina Ao Mesmo Tempo, Em Lio E Os Seus Companheiros V O Tentando Introduzir, Num Quotidiano Marcado Por Medicamentos, Refei Es, Terapias Ocupacionais E Sestas De Dura O Indefinida, Alguns Vislumbres De Encanto E Alegria De ViverPaco Roca Um Consagrado Ilustrador, Guionista E Autor De Comics E Novelas Gr Ficas Nasceu Em Val Ncia, Em , Estudou Belas Artes E Trabalhou Brevemente Em Publicidade, Antes De Abrir O Seu Pr Prio Est Dio De Ilustra OA Sua Obra Amplamente Louvada Pela Cr Tica E Encontra Se Publicada Com Sucesso Em Diversos Pa Ses Rugas Foi Adaptado Ao Cinema Em , E O Filme Foi Galardoado Com Pr Mios Goya, Incluindo Um Para Paco Roca Pela Adapta O Da Sua Obra As Suas Ilustra Es S O Publicadas Em Media De Destaque Como Babelia E El Pa S Com humor descreve se a realidade de um lar de idosos Com humor aprende se os primeiros sinais da doen a de Alzheimer.
Leitura merecida e inesquec vel.
Hard and heart breaking but cute and sooo necessary Most of the times we don t want to face how our lives will be when we get old, we don t want to consider the possibility of aging We just know how to be young and we believe we ll always be So we turn our backs to old people, banning them from our every day lives and visiting them just once a week or a month at caring homes or residences, not paying too much attention to them We forget they played an important part in our lives and in society and consider them useless We are so wrong Because they are still the person they once were and they still have wishes and hopes and desires Regardless of our age we never stop dreaming There s so much to learn from them, sometimes they are hard to understand and difficult to live with I guess life shapes you constantly so at the end of it you are never unscathed , but it s worth the effort The group this graphic novel depicts fights loneliness and isolation by bonding, understanding and teasing each other, creating a new family in the weirdest of places They even try to fight Alzheimer but that s always a lost battle Slowly forgetting who you are, feeling you no longer understand the world around you is the cruelest, most terrifying thing But these grandpas and grandmas look at it straight in the face and scream No retreat and no surrender They keep their rebeliousness , they love each other and even run away in a porsche This story touches me specially because my grandmother suffers from something similar to Alzheimer and she is almost like a baby, she just demands affetion, love, care and protection I guess in a weird way she has grown older just to go back to her childhood or youth at the same time The point is Wrinkles Arrugas is not only a warning but it triggers in you the need to act and to understand and to love Boing There are books and movies that I hate but recommend to everybody They are good books and movies and often times are even great books and movies I recommend them because they are good or great I am able to recognize their nearness to whatever we might be tempted to describe as objective quality They are well composed and well accomplished Their artistry is evident and clear And than that, they speak to some integral aspect of the human condition They, through craft and talent and effort and grace, say something to the alert reader and often, something valuable to the proposal of How should we then live I recommend these books and movies often and without hesitation Because it is right to do so And yet these books and movies I m talking about I hate them Because ignorance is blissful Because I have a heart Because I am empathetic Because I am tuned in to our existence and its fragilities Because I am not immune to horror or terror Because the metaphorical nights are long and they threaten always the metaphorical days Because I too, like many of you, can be undone by simple stories told well.
One of the great glories of the comics medium and one that is continually being probed and explored is its ability to propose a visual narrative reflection of psychological phenomena Dreams, visions, thoughts, emotives This has been especially useful in comics navigation of mental disorders 1 Comics offer all the toolbox of a relentless CGI but married to a character driven Dogme 95 production Comics can do anything and that paves the way to a complex psychological narrative one that unveils effortlessly to the reader.
Meaning that authors can vividly convey states of being and mind that would be otherwise difficult or costly in other media And Paco Roca uses this gift of the medium to wring out the experiential nature of the elderly in a home for those gradually giving in to the disenfranchisement of the mind suffering through troubles as benign as simple senility or as aggressive as Alzheimer s He does a fantastic job conveying lives surrendered to permanent convalescence He does such a good job, in fact, that I hate Wrinkles I hate it because it is so good and you should definitely read it.
When I was younger, say twenty one or so, my brother read me an account of an unpopular man in the 1600s who had been driven from a town while being pelted with stones As a result of the injuries to the man s head, his personality, character, and beliefs changed He was unmade and remade because of a bad afternoon Years later, he reverted again to his former self, but for me the damage was well accomplished Before I had kids, 2 my only real fear in life was losing who I was to some catastrophe like brain injury or to one of the many handfuls of maladies that assault those of old age Cognition, the particular way that I perceive the world, who I am those are the essentialities to my existence After all, if I am not me then who on earth am I In Wrinkles, Paco Roca underlines, circles, highlights, and writes in the margins of my fear His protagonist, Ernest, is an older gentleman a former bank branch manager who suffers from Alzheimer s though he rarely seems cognizant of his own suffering The text begins with his admission to an assisted care facility equipped to interact with tenants of varying degrees of dementia Ernest s case, when compared with some of the other guests, seems almost benign Ernest will live out the remainder of his days here, a life mediated through the fog of medications.
Roca uses the toolset of comics to seamlessly transport guests of the home into the world as they are experiencing it In one moment a man is seventy two and standing alone in a foyer, and in the next he is six and is stood up awkwardly before a room of his new classmates A woman is pictured, seated by the window in her wheel chair, old and haggard in the prior panel she is a young woman of beauty and elegance, riding the window seat of the Orient Express Another resident sees members of the Legion everywhere Another is transported again and again to the moment when he secured the heart of the love of his life This is excerpted from one of the the happiest, most sublime, most tragic moments in the book It made my heart soar and drown simultaneously The drama of daily living with a fading mind is told with humour and verve and a lightness of being And I found myself growing and anxious These amusing anecdotes and funny bits and pieces of lives gone askew were toying with my deepest and tremblingest insecurities On the surface I was enjoying Roca s book and the story of Ernest s progressive psychological collapse It s bright and colourful and lovely and well illustrated and well paced 3 But in the midst of my enjoyment, the terror of existence roiled and rumbled By the end, I was panicked and undone Roca had done so good a job of exploring the gradual dissolution of selves that I was entirely exposed, my oldest fear made raw and calamitous all within one hundred pages in which nothing incredibly terrible happens save for that a handful of people gradually forget themselves And that s the magic of story Review courtesy of Good Ok Bad Footnotes1 EXAMPLES Glyn Dillon s Nao of Brown David B s Epileptic Joe Kelly s I Kill Giants 2 Now that I have children whom I cherish, there are any number of terrors that stalk the corners of my waking existence Death, cancer, bullies, leukemia, pedophiles, them growing up to not like me.
3 Though in what may approach a caveat, I will warn that this story about elderly residents in a home, like all stories about elderly residents in a home, includes the obligatory escape from the home and joyride awhile trope It was the only moment for me that skirted being a false note But really, if you re in a home waiting to die, I d guess that this sort of thing probably actually happens not infrequently so I gave it a pass.
A minha estreia no mundo das graphic novels foi, como podem constatar, a melhor que poderia ter tido Resta me agradecer de novo Isa e recomendar vos, pedir vos encarecidamente que leiam e conhe am esta obra para que ela chegue ao cora o do maior n mero de leitores poss vel Infelizmente, a vers o portuguesa est esgotada, mas tentem encontr la nas bibliotecas da vossa zona, em alfarrabistas ou ent o comprem a vers o original n o preciso um dom nio muito grande do espanhol para l la LEIAM NA NOTA 10 10Opini o completa aqui Videorecensione



LA BANDA DEGLI INVISIBILI Non facile trovare una graphic novel che racconti la terza et , che si dedichi agli anziani.
Qui, di questa fase della vita si scelto un aspetto che trovo sconvolgente, la malattia chiamata Alzheimer, la perdita di memoria, di contatto con la realt , lo smarrimento del s.
Paco Roca ha studiato, si documentato, si percepisce, e si vede Non prende scorciatoie, racconta tutto, senza compiacimento, senza cercare la lacrima facile Che proprio non serve perch tanto la commozione arriva ugualmente, la storia toccante, impossibile restare distanti.
Ma Roca non dimentica di farci sorridere qui e l , sa trovare leggerezza senza perdere in profondit.
Mi ha colpito in modo particolare il progredire della malattia che non risparmia i momenti di lucidit nei quali Emilio cosciente del suo deterioramento senza scampo, rimane indifeso di fronte al suo scivolare sempre pi lontano da s Non ci sono didascalie, solo dialogo, mai esagerato Infatti, non mancano silenzi, pause, sospensioni.
Il disegno degli ambienti e degli sfondi minimale, mi apparso limitato, pi volte ho avuto la sensazione di essere davanti al trova l errore di una settimana enigmistica.
Le figure e i volti funzionano meglio, i colori sono una manna, ma l attenzione di Roca soprattutto per la storia.
Il titolo che ho scelto per il mio commento un omaggio a un altro bel libro sulla terza et che forse nel frattempo, con il consistente allungamento della vita che abbiamo raggiunto, si dovrebbe definire quarta et , scritto da Fabio Bartolomei Away From Her Lontano da lei un film tratto dal racconto The Bear Came Over the Mountain della scrittrice canadese Alice Munro che affronta l Alzheimer del 2006, diretto dall attrice regista canadese Sarah Polley, e interpretato come sempre magistralmente da Julie Christie, e da Gordon Pinsent.
Quando la nostra memoria lentamente si cancellaTolgo il libro dal cellophane, lo apro lentamente, con le pagine che scricchiolano perch la prima volta che lo sfoglio Non so assolutamente di cosa tratti, mi sono fidato solo di buone recensioni, la sorpresa mi piace sempre molto.
Guardo le prime immagini e vengo risucchiato nella storia del libro.
Emilio un uomo anziano ogni tanto dimentica qualcosa, a volte si infuria per questo, a volte si alza in piena notte per andare a lavorare , scordandosi di essere in pensione Non pu pi essere lasciato solo e il figlio, impegnato con il lavoro, non pu fare altro che ricoverarlo in una casa di riposo.
In quel luogo, insieme a Emilio, Roca fa entrare di soppiatto anche noi il disagio e la tristezza del primo impatto, il tempo statico, i dolori, gli acciacchi, i ritmi scanditi solo dal cibo e dal sonno, la TV accesa che nessuno guarda, l attesa della visita di figli e parenti che non arrivano, un vicino che non sente, uno che non vede, uno che non ricorda, uno che muore crudele la vecchiaia per chi la vede con la mente lucida Ma pu essere ancora pi crudele quando, senza che si possa far nulla, inizia il male dell Alzheimer, con il degenerare progressivo delle facolt mentali.
Disegni essenziali, colori tenui, vignette mute E, a volte, cambi di prospettiva con immagini del passato, a ricordarci che quelle persone che vediamo anziane ora, sono le stesse che un tempo erano bambine.
Rughe un libro bellissimo per me, anche se va letto sapendo che ci lascer spossati, tristi, amareggiati, delusi, consapevoli del futuro che attende quasi tutti Ci attende perch diventeremo anziani o perch potremmo dover accudire persone anziane, magari malate di Alzheimer, come nel caso del libro.
Ma in questa tristezza c un fiore, una speranza, un lato positivo Una amicizia che sboccia proprio l , nella casa di riposo, con Miguel Che si prender cura di Emilio, cercando di posticipargli al massimo la salita al piano di sopra , quello dei non autosufficienti, la fine.
Dice Roca La vecchiaia un tema secondario nel cinema, nella letteratura, nella pubblicit , nei fumetti Nessuno ne vuole parlare, la societ isola gli anziani come se li volesse cancellare Tocca a noi, di un altra generazione, rendere la loro vita pi piacevole.
Un libro di livello superiore, toccante, delicato, tenero, malinconico, umano Un capolavoro, s Avevo deciso di limitare a 4 stelle la valutazione delle graphic novels Ma in questo caso faccio una eccezione.